Questo sito utilizza i cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina dedicata. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Proponiamo all'attenzione dei cittadini italiani il documento che segue,
invitando chi ne condivide i contenuti a sottoscriverlo e diffonderlo.

 

L’Europa vive un periodo storico importante nel quale possono essere armonizzati scienza, arte e discipline umanistiche.
In questa visione, occorrono iniziative concrete che diano spazio all’integrazione delle culture e all’espressione della specificità di ogni popolo.
Il Pianeta stesso dev’essere considerato come entità viva, alla quale rapportarsi con rispetto ed equilibrio, riconoscendo l’Ambiente soggetto di Diritto.
In questo contesto di ragione e sensibilità, la spiritualità è una dimensione importante della sfera della coscienza e della ricerca di valori e significati.
Ogni cittadino ha, dunque, diritto ad affermare, praticare, organizzare e vivere qualsiasi filosofia o credo secondo i propri convincimenti, nel rispetto della Legge.

Il configurarsi di società multietniche chiede nuovi comportamenti verso l’integrazione, nel rispetto delle culture, delle leggi e delle tradizioni.
E’ indispensabile predisporre strumenti sociali e giuridici che garantiscano il diritto a curarsi secondo la propria visione del mondo, a vivere perseguendo la realizzazione di sé e a morire con dignità.

E’ fondamentale che il Parlamento sia garante del rispetto delle libertà di credo spirituale e religioso dei cittadini, indipendentemente dal loro sesso, età, razza, cultura, opponendosi a ogni forma di integralismo e di predominanza di una fede sull’altra.

 

Noi cittadini italiani
lanciamo un appello


perché si costituisca una Consulta etica, trasversale ai Partiti, espressione culturale di valori laici, etici e spirituali, allo scopo di affermare lo Stato di Diritto; il diritto alla Terra ad essere riconosciuta come soggetto giuridico di pari dignità rispetto a esseri umani e animali; il diritto di ciascun individuo a una vita che metta al centro dell’attenzione i valori del rispetto e dell'amore verso tutti gli esseri; il diritto a morire con dignità.
La Consulta dovrà anche vigilare affinché sia salvaguardato il diritto alle diversità nel rispetto delle leggi, il diritto alla libertà di ognuno nel rispetto della libertà di tutti.